Comitato Regionale Sicilia Bridge

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Coppa Italia squadre over 61. Semifinale interregionale 14-15 aprile 2018

E-mail Stampa PDF

La semifinale interregionale Calabria/Sicilia della Coppa Italia Over 61 - 2018 si svolgerà nei giorni 14/15 aprile presso il  Circolo del Bridge di Catania – Via Sgroppillo, San Gregorio Catania tel 0957170717

Nella giornata di sabato 14 aprile le sei le squadre qualificate,  inserite in un unico girone all’italiana, giocheranno cinque incontri di solo andata sulla distanza delle 12 smazzate  ad incontro con mani duplicate al tavolo.

Le prime due classificate si incontreranno domenica 15 aprile con la formula del K.O. con carry over così come previsto dall’art.58 del Regolamento Campionati:
“In ciascuno degli incontri a KO è da utilizzarsi, di norma, il carry over così calcolato:
1)Se la squadra vincente 'incontro nel round robin è arrivata davanti nella classifica del girone all'italiana stesso, essa partirà con un carry over favorevole pari ad 1⁄2 degli imps di vantaggio ottenuti nell'incontro di round robin.
2) Se la squadra vincente l'incontro nel round robin è arrivata dietro nella classifica del girone all'italiana stesso, essa partirà con un carry over favorevole pari ad 1/3 degli imps di vantaggio ottenuti nell'incontro di round robin.
In entrambi i casi, il carry over non potrà mai superare il valore massimo di 1⁄2 imp per ciascuno dei board su cui sta per essere giocato l’incontro a KO.”

Si allega copia  della circolare

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Coppa Italia over 61 semifinale.pdf)Coppa Italia over 61 semifinale.pdf 403 Kb
Ultimo aggiornamento Venerdì 06 Aprile 2018 14:01
 

La coach di Etna Bridge, Tiziana Tuttobene, si racconta

E-mail Stampa PDF

Quando ero piccola pensavo che avrei fatto la maestra perché l 'idea di stare in mezzo a tanti bambini era una cosa che mi affascinava . Poi si cresce e nessuno fa il pompiere o l astronauta e nemmeno io ho fatto la maestra. Poi il bridge , l agonismo, le competizioni,l e partenze, i tornei per 35 anni finché casualmente proprio il bridge mi ha portato nella scuola.

E siccome niente accade per caso eccomi a fare quello che da piccola pensavo sarebbe stato il mio futuro : insegnare qualcosa a bambini , stare in mezzo a loro. Il bridge è la nostra grande passione e chi di noi ha scelto di insegnarlo sa che se potessimo, lo insegneremmo a tutti quelli che incontriamo, dalla commessa del supermercato all istruttrice di pilates passando attraverso il vicino di casa o l'amministratore di condominio e cosa ci può essere di più bello di insegnarlo a bambini, ragazzini , giovani in generale?

Ho impiegato un po’ di tempo per decidere e poi portarli quest anno  ai campionati under 26. Sentivo sarebbe stata una grande responsabilità da tutti i punti di vista ma che fare? Era stato l'obiettivo che mi ero prefissata quando li ho presi in prima e seconda  media e glielo avevo fatto sognare come una prima meta  da raggiungere . Ma erano così piccoli , era così difficile spiegare la stayman figurarsi l interferenza o il rever... avevano pochissimo tempo da dedicare , nessuno in famiglia che avesse la benché minima idea di cosa fosse questo gioco se non per sentito dire o visto nelle puntate di happydays in cui ogni tanto mamma e papà di Ricky si sedevano a giocare una partita di bridge con una coppia di amici.

Tante volte mi dicevo che era una battaglia persa ma poi erano loro stessi che mi facevano tornare la voglia di continuare e così a settembre dell anno scorso mi hanno detto: allora ci porti o no a questi under 26?.

Bisognava intensificare gli allenamenti che non potevano più essere due volte al mese , convincere i genitori che, pur sempre collaborativi, adesso avrebbero dovuto rinunciare ad avere i loro figli a casa per una parte delle vacanze di pasqua   e non è stato facile ma come si dice , la volontà e quella che sposta il mondo e giovedì scorso alle 5 di mattina erano tutti all aeroporto con tutta la famiglia ad accompagnare questi bambini che andavano a “ fare il bridge “.

E io ,come la mamma chioccia, ridente e felice con tutti i pulcini attorno. Agnese Elisabetta Irene e Fabio erano i miei figli grandi, i loro fratelloni e loro, i piccoli,  ansiosi, preoccupati, emozionati, felici. Questi tre giorni sono stati gioia pura, gioia per vederli così legati , così complici così uniti . Giocavano le ragazze e chiedevano subito che avessero fatto i ragazzi e come stavano andando i” grandi” e viceversa, volevano notizie anche di Seby volevano che vincesse, stavano davanti al monitor con partecipazione , con affetto.  Guardarli e vivere la loro età, vedere la spensieratezza , fare e dire quelle cose stupide che si fanno e che si dicono alla loro età , il pianto di Alessia perché per un attacco sbagliato aveva regalato una mano , i racconti di cose divertentissime capitate al tavolo , aneddoti esilaranti .

Alla soglia dei 60 anni vederli all una di notte tutti nella mia stanza seduti per terra a parlare delle mani giocate, degli errori , delle patatine che volevano comprate , della pasta in bianco da mangiare , della cioccolata fondente da dividersi e  dire inutilmente di andare a dormire e capire che avevano in corpo tanta di quella adrenalina che sarebbero potuti stare svegli per una settimana,  senza avere un briciolo di sonno ridendo sugli aneddoti capitati , rammaricandosi dei punti persi ,felici degli incontri vinti ,inebriati da un atmosfera e un mondo che non sapevano ancora quanto gli stava piacendo .

Non importa se e quante medaglie hanno al collo , non importa quanti incontri hanno vinto e quanti ne hanno persi , quanto hanno riso e qualche volta pianto , hanno vissuto tre giorni che non dimenticheranno mai. Ed io nemmeno .

 

Ultimo aggiornamento Domenica 01 Aprile 2018 12:31
 

I successi dei giovani sono il nostro impegno

E-mail Stampa PDF

“I giovani sono il nostro impegno per il 2018”  aveva detto  nell’intervista di Natale   Silvana Bonocore, Presidente del Comitato  Regionale. E così sembra essere dopo  successi dei giovani siciliani agli ultimi  campionati under 26.

“Non faccio profezie né prevedo il futuro, racconto soltanto il lavoro  che si svolge quotidianamente soprattutto  l’impegno degli istruttori.  La Sicilia è stata premiata come la regione che ha avuto i migliori successi in campo nazionale dei giovani bridgisti. Questo se da una parte ci inorgoglisce dall’altra ci fa capire che siamo sulla strada giusta per un rinnovamento generazionale. In modo particolare la città di Catania è un’officina in fermento grazie alla presenza di giocatori di altissimo profilo impegnati a trasmettere il bagaglio di conoscenze e di  esperienze alle nuove leve. Mi riferisco a Dario Attanasio, il Maestro dei maestri ma ci sono anche tante tantissime altre persone di altissima qualità bridgistica impegnate quotidianamente sul campo come Tiziana Basile, Salvo Vinciguerra e Lucia Guglielmino.

Siamo sulla buona strada e sono sicura che in questo percorso si affiancheranno anche le altre provincie della Sicilia.

Questi  successi pre-pasquali degli ultimi campionati under 26 sono la prova provata che il bridge ha ancora un futuro essendo capace di interessare i giovanissimi e di competere con la realtà virtuale del web. E con questo bel successo auguro buona Pasqua a tutti

 

 

Salsonews Campionati Under 26 a squadre: Oro ed argento per gli esordienti

E-mail Stampa PDF

Successo per le squadre siciliane che monopolizzano il podio nella categoria esordienti ai campionati italiani a squadre libere under 26  che si sono conclusi oggi, sabato 31 marzo, a Salsomaggiore.

Come per quelli a coppie c’erano due categorie di giocatori: esperti con 12 squadre ed esordienti con 22 squadre partecipanti. Dopo i primi tre incontri di qualificazione di venerdì si sono delineati i gironi di Finale, Consolazione e Consolazione B tutti composti da quattro squadre l’uno nella categoria esperti.

La categoria esordienti invece, essendo formata da 22 squadre, dopo il turno di  qualificazione ha avuto i gironi di Finale,  Consolazione e Consolazione B sono stati composti , rispettivamente,  da quattro, otto e dieci squadre.

Seby Scatà  è arrivato secondo nel girone di consolazione, categoria esperti,  con una formazione pluriprovinciale ed  i giovani Cioffi Etna Bridge (Adamantino Fabio, Di Mauro Agnese, Ferlito Elisabetta, Montalti Irene) sono arrivati terzi.

Ma il bottino più grosso doveva arrivare con gli esordienti dove nel girone finale Sicily Convivium Catania (Beninati Emanuele, Rocco Simone, Di Carlo Salvatore, Vecchio Francesco) ha vinto l’oro e Etna Boys Etna Bridge (Corsaro Emanuele, Intravaia Fabio, Cardone Massimiliano, Pennisi Giorgio) ha vinto l’argento.

Nel girone di consolazione si registra un quarto posto di Etna Girls Bridge (Bongiorno Giulia,Giuffrida Stefania, Di Mauro Roberta,Rotolico Alessia) ed un settimo di  Boscarino Convivium Young (Boscarino Riccardo, Di Dio Davide, Cappello Jonas, Furnari Paolo).

Inoltre Etna Girls Bridge ha vinto un Premio speciale alla prima squadra femminile esordienti

Ultimo aggiornamento Sabato 31 Marzo 2018 14:48
 

Salsonews: Campionati italiani giovanili under 26. Oro, argento e bronzo nella prima prova.

E-mail Stampa PDF

Sono iniziati ieri 29 marzo a Salsomaggiore  i campionati italiani giovanili under 26

I partecipanti sono circa 150 ragazzi fra i 10 e i 26 anni, suddivisi in due sezioni: Esordienti ed Esperti. La  nostra Regione ha una rappresentativa di 21 ragazzi

Tredici di Etna Bridge incluso Seby Scatà, accompagnati da Tiziana Basile (Rotololico Alessia, Di Mauro Roberta ed  Agnese, Corsaro Emanuele, Pennisi Giorgio, Intravaia Flavio, Cardone Massimiliano, Bongiorno Giulia, Giuffrida Stefania, Adamantino Fabio, Montalti Irene, Ferlito Elisabetta).

Otto del Convivum:  4 di scuola media accompagnati dalla docente  Lucia  Gugliemino ( Di Dio Davide,  Furnari Paolo, Jonas Cappello, Riccardo Boscarino) e 4 ex  Istituto De Felice accompagnati dal docente  Salvo Vinciguerra (Di Carlo Salvatore, Vecchio Francesco, Beninati Emanuele,  Rocco Simone).

Bella prestazione nella categoria esordienti per le due coppie Di Carlo- Vecchio e Beninati -Rocco che si sono classificati, rispettivamente,  primi e terzi nella gara a coppie libere  portando a casa l’oro ed il  bronzo

Argento per  Seby Scatà con Andrea Manganella nella categoria Esperti.

Archiviato il campionato a coppie  libere ora si pensa  a quello  a squadre  che inizia oggi e si concluderà domani sabato 31 marzo

Ultimo aggiornamento Venerdì 30 Marzo 2018 14:19
 


Pagina 9 di 218

Cerca

Sondaggi

I tuoi punti FIGB

Inserisci il codice FIGB ...


Dove ti trovi

Home

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione linee guida.